La moglie del "Chapo" si è dichiarata colpevole di traffico di droga e riciclaggio

Emma Coronel, che ha doppia nazionalità statunitense e messicana ed era stata arrestata all'areoporto di Washington nel febbraio scorso

Emma Coronel moglie del narcotrafficante Joaquin Guzmán "El Chapo"

Emma Coronel moglie del narcotrafficante Joaquin Guzmán "El Chapo"

globalist 10 giugno 2021

Emma Coronel, moglie del narcotrafficante Joaquin Guzmán "El Chapo", si è dichiarata colpevole dei reati di traffico di stupefacenti e riciclo di denaro contestatigli da un tribunale federale di Washington.

Coronel, che ha doppia nazionalità statunitense e messicana ed era stata arrestata all'areoporto di Washington nel febbraio scorso, rischia dieci anni di carcere ma dichiarandosi colpevole potrebbe ricevere una pena ridotta e secondo la stampa statunitense avrebbe raggiunto un accordo in tal senso con la Procura federale.

Secondo la Procura la donna avrebbe inoltre aiutato "El Chapo" a fuggire da un carcere messicano nel 2015 attraverso un tunnel lungo un chilometro e mezzo che sbucava sotto la doccia della cella, uno smacco umiliante per le autorità messicane.

Guzmán è stato condannato nel 2019 all'ergastolo dopo un processo tenutosi a New York e alle cui udienze Coronel aveva assistito quasi quotidianamente, e attualmente sconta la condanna in un carcere di massima sicurezza in Colorado.