Parla la prof del 20enne ucciso per difendere la madre: "Ragazzo buono sempre pronto a difendere gli altri"

Mirko Farci è stato ucciso dal 29enne pakistano ex compagno della donna, che si è difeso dicendo di essere stato a sua volta aggredito proprio dalla giovane vittima

Mirko Farci

Mirko Farci

globalist 12 maggio 2021

Un estremo atto di coraggio finito nel sangue, quello di Mirko Farci, che nel tentativo di difendere la madre è stato ucciso dall’ex compagno.

Adesso tutti lo ricordano, a partire da una delle sue professoresse.

"Un alunno meraviglioso, buono, gentile, sempre sorridente e bello. Difendere gli altri era il tuo motto e te lo sei portato addosso sino ad oggi e per sempre".

Con queste parole Luisa Usala, insegnante dell'Istituto tecnico Ianas di Tortolì, ricorda il suo studente Mirko Farci, il ventenne ucciso mentre tentava di difendere sua madre - che è in fin di vita in ospedale - dalla furia di Masih Shahid, 29enne pakistano ex compagno della donna. 

Shahid, arrestato qualche ora dopo l'omicidio, ha confessato, ma si è difeso dicendo di essere stato a sua volta aggredito proprio da Mirko.

Il post della professoressa - La docente ha affidato una lunga lettera rivolta al ragazzo a Facebook: "Mi dicesti che tu a casa ci stavi davvero bene, ed è proprio lì che ti ha tolto la serenità quel mostro che altro non può chiamarsi - aggiunge Usala -. Oggi vestiamo un lutto così grande e profondo, a scuola tutti in un silenzio assordante, tutti uniti nel dolore e nel rispetto, tutti con un cuore logorato da questo mondo così strano che dal bello in un attimo passa al crudele. Oggi tutti a pregare e meditare, a capire perché tutto ci sembri spesso così lontano da noi ma molte volte è più vicino di quanto si pensi. Oggi piango per te che sei stato tra gli alunni più rispettosi e gentili, buoni e fiduciosi nella vita, volenteroso e amato da tutti".

Solinas: "Ennesimo atto di ferocia contro una donna" - Dolore e sgomento anche dal presidente della regione, Christian Solinas, per la terribile vicenda. "L'ennesimo delitto che si consuma tra le mura domestiche, l'ennesimo atto di ferocia scatenato contro una donna. Per proteggere la madre è intervenuto eroicamente il figlio Mirko, rimasto ucciso", dice Solinas. "Occorre interrogarsi sulle radici di tanta violenza, e sugli strumenti da attuare per proteggere le donne e tutti i soggetti più fragili dalla furia cieca e sanguinaria che sempre più spesso, purtroppo, si scatena tra mura domestiche". Ai familiari, a tutta la comunità di Tortolì sconvolta da questo efferato episodio, ai compagni di Mirko dell'istituto professionale Ianas di Tortolì, "il profondo cordoglio, la vicinanza e la solidarietà del governatore".

La confessione e l'accusa - Masih Shahid, il 29enne pakistano che all'alba di martedì si è introdotto nella casa di Tortolì della ex compagna, Paola Piras, di 50 anni, accoltellandola e poi uccidendo il figlio di lei, Mirko, che si era gettato sulla mamma per difenderla, ha confessato.  Lo ha fatto davanti alla Pm Giovanna Morra e al suo legale Saverio Mereu, nella sede dei carabinieri della Compagnia di Tortolì, in cui ha fornito la sua versione dei fatti e ha cercato di attenuare le sue responsabilità: l'operaio ha infatti raccontato di essere stato a sua volta aggredito all'interno dell'appartamento, dove si era introdotto arrampicandosi su un pluviale e rompendo il vetro di un finestra. Contro di lui, secondo il suo racconto, si sarebbe scagliato proprio Mirko che gli avrebbe lanciato un vaso di fiori in testa.

Il 29enne ha inferto 17 coltellate al giovane studente e ha martoriato il corpo della madre. La donna ora lotta per la sopravvivenza all'ospedale di Lanusei.
Presente all'interrogatorio anche il medico legale Matteo Nioi che ha visitato il 29enne, per accertare se il racconto sia compatibile con eventuali ferite sul corpo. Il coltello usato per l'omicidio e per il tentato omicidio - queste le accuse mosse dalla Procura di Lanusei - è stato ritrovato dagli investigatori: si tratta di un coltello da cucina che appartiene alla famiglia. Gli inquirenti ora dovranno capire se è stato prelevato nell'appartamento di Paola Piras o nella pizzeria al piano terra gestita dalla sorella della vittima.

Giovedì l'autopsia sul corpo di Mirko - Sarà eseguita giovedì l'autopsia sul cadavere di Mirko. L'ha disposto, per chiarire l'esatta dinamica del delitto, il sostituto procuratore di Lanusei, Giovanna Pina Morra, che coordina le indagini. La salma di Mirko è stata trasferita nel cimitero di Quartu Sant'Elena, alle porte di Cagliari. 

Il sindaco: "Ciò che è accaduto è insopportabile e inaccettabile" - "Siamo tutti attoniti e profondamente scossi da questa tragedia che ha spezzato irrimediabilmente la serenità di tutti noi - ha scritto il sindaco di Tortolì Massimo Cannas nella pagina Facebook del Comune -. Ciò che è accaduto è insopportabile e inaccettabile. Una giovane vita spezzata e una madre che combatte per la vita".